Articoli

La Macchina del Tempo

Nell’aprile del 2013 ha fatto il giro del mondo la notizia di un ritornogiovane scienziato iraniano che avrebbe inventato la macchina del tempo. I giornali stessi però dichiaravano che era difficile trovarne la conferma. Da parte nostra non abbiamo bisogno di assistere alla presentazione di Aryayek, così  è stata chiamata la macchina; è stato sufficiente essere presenti alla scorsa udienza del processo Giardinetto per credere ad un incredibile ritorno al passato.

LOGO SI - LOGO NO

I manifesti colorati ed accattivanti che ci annunciano incontri, dibattiti e progetti sono ormai adornati da simpatici disegni il cui numero aumenta vertiginosamente accrescendo il prestigio di un evento. Parliamo dei loghi: piccoli simboli che elencano gli enti, le associazioni, i movimenti che partecipano a questa o a quell’altra iniziativa. Inizialmente apposti per evidenziare al lettore la natura dell’incontro, pare oggi indichino anche la sola dichiarazione di approvazione dell’iniziativa. Pare poi che, in qualche modo, il patrocinio di un ente o l’apposizione del logo di un’associazione piuttosto che un’altra, basti ad assicurare la “bontà” di un’iniziativa.

IN ATTESA DI…I CARE

Per la nostra associazione questo ormai è il quarto anno di partecipazione ad “I care”. Anche quest’anno ci siamo confrontati chiedendoci il senso della nostra presenza a questa giornata e riflettendo sulle motivazioni che ci spingono con rinnovato entusiasmo ad esserci. La prima edizione fu per noi, e per la maggior parte delle persone che vi presero parte, un momento intenso perché da una perdita così dolorosa nacque un senso di solidarietà ed affiatamento che riuscì a coinvolgere tutto il paese.

TENERE ALTA L’ATTENZIONE

Nel lessico comune e più gettonato dell’ultima ora sempre più spesso si sente parlare di “tenere alta l’attenzione” e fiumi di parole ne sottolineano l’importanza. Anche noi ce ne siamo fatti portatori ma oggi prendiamo con le pinze il suo significato. L’esperienza di ormai numerosi anni ci ha insegnato che mantenere alta l’attenzione non è occuparsi estemporaneamente di una vicenda.

Affari Tuoi

A Giardinetto una discarica?
Ma sì è una cosa comica!
Ma “Striscia” ha investigato
e a distesa i rifiuti ha trovato.
Possibile? Non me ne sono mai accorto!
E c’è pure un’associazione in gran sconforto!
E perché mai?
C’è un nuovo processo, non lo sai?
E qual è l’imputazione?
Disastro ambientale, ma andrà in prescrizione!
Un giudice è stato trasferito
e il processo ad ottobre è stato rinviato.
Tutto dall’inizio bisognerà rifare
ma 15 anni son passati dall’affare.
Il rischio è che tutto vada in malora
e che i rifiuti rimangan lì ancora.
Però la bonifica si potrebbe fare
se ognuno un big-bag potesse adottare.
Magari i rifiuti li portiamo a casa vostra …
Che dici, ti piace la proposta?